Letture - Avviso ai naviganti


«Bunny stava prendendo i cracker dalla credenza. Stava aprendo la scatola, si sentiva già il rumore della carta oleata all'interno, quando all'improvviso si è fermata. Si è voltata a guardare la porta e ha cominciato a piangere. Era in preda al terrore. Ha detto: "Papà, il cane sta raschiando la porta. Chiudi a chiave!" E si è messa a urlare. Avrei dovuto aprire la porta per mostrarle che non c'era nessun cane, e invece l'ho chiusa a chiave. E lo sai perché? Perché temevo di trovarcelo sul serio, il cane, tanta era la forza della sua paura.
Bunny è diversa, e a volte si comporta in modo strano. Ma non siamo forse tutti "diversi", anche se fingiamo il contrario? Sotto sotto tutti siamo un po' strani. Con il passare degli anni impariamo a camuffare la nostra diversità, mentre Bunny ancora non lo fa.

Il padre di Bunny sospirò, si portò la mano al mento. Aveva la sensazione che non stessero affatto parlando di Bunny. Ma di chi, allora? La conversazione si disperse come la nebbia alla luce del sole».